Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Confronto tra servizi Cloud drive di archiviazione online gratuiti migliori

Pubblicato il: 25 aprile 2012 Aggiornato il:
Confronto tra i migliori servizi di archiviazione online Cloud con spazio gratuito come Onedrive, Google Drive e Dropbox
servizi di archiviazione online a confronto Questa è stata la settimana dei servizi cloud quindi vale la pena fare un riepilogo generale per capire cosa può servire e cosa no e quale mantenere attivo sul proprio computer.
I servizi di archiviazione cloud (ho già scritto cosa significa cloud, in italiano, "sulla nuvola" ossia su internet) servono a conservare alcuni file su uno spazio online.
Praticamente è come se i file fossero salvati in una penna USB personale virtuale, che non esiste fisicamente ma che è sempre disponibile da ogni computer connesso a internet.

Queste applicazioni sono molto simili tra loro: offrono uno spazio di archiviazione online, è possibile accedere ai file da ovunque, è possibile condividere i file con altre persone e supportano la sincronizzazione dei file in modo che, se un documento viene modificato su un computer, le modifiche vengono propagate a tutti gli altri computer quasi istantaneamente.
Tutti possono registrare un account in questi servizi gratuiti, ma è ovvio che non si possono tenere sul pc tutti insieme quindi, per scegliere il migliore, vediamo un confronto tra questi Cloud Drive anche guardando le opzioni a pagamento per aumentare lo spazio di archiviazione.
La disamina sarà soprattutto incentrata sui tre big: Onedrive, Google Drive e Dropbox.

1) Piattaforme supportate
Dropbox è disponibile per Windows, Mac, Linux, iOS, BlackBerry e dispositivi Android.
Windows Live Onedrive è disponibile per Windows, Mac, iPhone, iPad e cellulari Windows Phone e Android, mentre Google Drive è attualmente disponibile per PC, Mac e telefoni o tablet Android.
Nessuno di questi supporta Windows XP.

2) Limiti di archiviazione
Dropbox offre 2 o 3 GB di spazio di archiviazione gratuito online (si arriva a 3 in pochi passaggi guidati), Onedrive offre 5 GB di spazio di archiviazione ai nuovi utenti mentre i vecchi potevano usare ben 25 GB gratuitamente.
Google Drive invece offre uno spazio 15 GB che però viene usato anche dalle applicazioni Gmail e Google+.
Altri cloud storage come Box.net, pCloud, Yandex, Ozibox, Syncplicity permettono di salvare file nella nube (cloud) fino a 10 GB mentre Amazon Cloud, Cubby, Sync, iDrive, iCloud di Apple, Asus Web Storage offrono 5GB come Onedrive.
Usando il programma di sincronizzazione sul computer, è possibile caricare file di qualsiasi dimensione in Dropbox ed in Google Drive mentre con il client Onedrive non si possono caricare online file superiori ai 10 GB (che è veramente tanto).
Dropbox permette di caricare file fino a 300 MB dal browser web, mentre tale limite è di 1 GB nel caso di Google Drive.

3) Piani di archiviazione a pagamento
Riguardo i prezzi per espandere il cloud storage, il più economico in assoluto è Google che permette di comprare 100 GB per circa 2 Dollari al mese.
Dropbox offre 1TB di spazio di archiviazione per $ 99 per anno mentre Onedrive per 2 $ al mese offre 50 GB.

4) Sito web e visualizzatore di file
Sia Onedrive che Dropbox forniscono applicazioni web dotati di visualizzatori di file per la maggior parte dei file comuni, tra cui documenti Office, PDF, video e immagini.
Siccome Google Docs è un visualizzatore online universale, Google Drive è sicuramente il numero uno per questa caratteristica.
Da notare che Box.net si collega a Google Docs per visualizzare i file online via browser.
Purtroppo, forse a causa di problemi di licenza, quasi nessuno di questi permette di ascoltare canzoni mp3 in streaming, tranne Amazon Cloud Drive.

5) Storico dei file
L'account gratuito su Dropbox salva la cronologia dei file per 30 giorni quindi, se si elimina accidentalmente o se si modifica un file, si può facilmente ripristinare la versione precedente entro i prossimi 30 giorni.
Onedrive e Google Drive memorizzano le versioni precedenti di tutti i file anche se non si sa bene per quanto tempo.
Se si elimina un file o una cartella all'interno di Onedrive web app, è cancellato per sempre, mentre, nel caso di Dropbox e Google Drive, i file vengono spostati nel Cestino da dove possono essere facilmente ripristinati.

6) Sicurezza account e dati
Dal momento che Google Drive è collegato all'account Google, si può impostare la protezione con due passaggi di verifica per il login a Google, davvero molto potente.
Questo ulteriore livello di protezione è disponibile anche per Dropbox e Onedrive che si lega all'account Microsoft ed anche per iCloud che si lega all'account Apple.
Google Drive e Dropbox tengono anche un log su ogni cambiamento fatto sui file mentre Onedrive non sembra.
Usando un plugin si possono proteggere i file salvati in Dropbox con password sul computer

7) Ricerca dei file
Google Drive è nettamente superiore in questo rispetto gli altri che non permettono di trovare parole e testo all'interno dei documenti, dei PDF ed anche delle immagini scansionate salvate nel cloud.

8) Accesso Offline
Le applicazioni mobili di Dropbox e Google Drive consentono di salvare qualsiasi documento o file sul telefonino per l'utilizzo offline.
Google Docs poi può essere anche usato offline sul computer abilitando la funzione manualmente.

9) Sincronizzazione selettiva
Se si dispone di più computer, questi cloud drive copiano i file in tutte le macchine dove è installata l'applicazione client.
A volte, però non si vuole che questo accada e sia Onedrive che Dropbox che Google Drive offrono la possibilità di sincronizzare cartelle selettivamente, escludendone altre.

10) Condivisione e collaborazione
Tutti e tre i big consentono di condividere file inviando il link o hotlink pubblico e permettono di lavorare su un documento in gruppo.

In conclusione i miglori serivzi cloud storage di archiviazione online di file sono:

1) Microsoft Onedrive, 5 GB di spazio gratis all'iscrizione, offre anche la possibilità di scaricare tutti i file di ogni altro computer collegato dal browser.
Onedrive è obbligatorio per chi usa spesso Microsoft Office perché dà la possibilità di modificare i documenti nel browser web, conservando la formattazione e sarà indispensabile per Windows 8.

2) Google Drive ha l'interfaccia più gradevole, ottima funzione di ricerca, integrazione con Google Chrome e con Gmail, applicazioni Google Office e grandi funzioni di collaborazione online.
Chi vive ed usa le applicazioni web Google, dovrà scegliere senza dubbio questo cloud drive.

3) Dropbox ha lo spazio gratuito online più piccolo con solo 2 GB disponibili gratuitamente ma facilmente espandibili senza costi.
Dropbox vince su tutti se si pensa alle numerose applicazioni e plugin che possono potenziare il suo servizio (si può fare una ricerca dal box qui in altro per trovare tanti utilizzi diversi di Dropbox).

Oltre a questi tre abbiamo citato in questo articolo:
4) Apple iCloud, offre spazio da 5GB ed è utile solo per salvare il backup di impostazioni e foto da iPhone e iPad.
5) Amazon Drive gratuito soltanto con abbonamento Amazon Prime.
6) Box.net, offre 10 GB gratis, è molto affidabile anche se più orientato a utenti business e aziende.
7) pCloud, che offre 10 GB gratis e la garanzia di un servizio cloud ultra protetto e sicuro, il più sicuro.
8) Hubic, attualmente quello che offre più spazio gratuito di archiviazione, ben 25GB.
9) Yandex Disk, servizio russo, con 10 GB di spazio disco online gratuito.
10) Asus WebStorage, servizio comodo per chi ha uno smartphone, un tablet o un PC Asus, con 5 GB di spazio gratuito.
11) iDrive 5GB di spazio e sicurezza completa e crittografata.
12) Altri servizi di archiviazione cloud sono invece: Sync.com e Cubby.com con 5 GB di spazio e poi Ozibox e Syncplicity con 10 GB gratuiti all'iscrizione.
13) Mozy, tra i migliori siti di backup online e Yousendit (2GB), citato nel post su come inviare via email file grandi ed integrato in Yahoo Mail.
14) MEGA Cloud con 50 GB di spazio ma tanti problemi legali che lo rendono inaffidabile.

LEGGI ANCHE: Come aumentare lo spazio gratuitamente sui cloud storage ed arrivare a 100 GB complessivi.

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)
7 Commenti
  • lucatag
    19/2/14

    cercare il fornitore che offre GB gratuiti non e' sempre la migliore soluzione. Questa e' una tipica mentalita' italiana, avere tutto gratis, sempre e comunque. Poi si lamentano in Italia che le aziende non hanno soldi e non assumono. NOrmale, nessuno vuole spendere soldi per i loro prodotti, anche se sono migliori di dropbox, mozy e compagnia bella

  • Claudio Pomes
    19/2/14

    tu sei uno di quelli che vuole pagare ad ogni costo... libero di farlo ma non so cosa cerchi in questo blog dove si parla solo di cose gratuite

  • Luca Tagliaferro
    25/3/14

    quando usi un prodotto gratuito, il prodotto sei tu...sai che significa?

  • Luca Tagliaferro
    25/3/14

    significa che con te faranno pubblicita', useranno i tuoi dati, la tua email, la privacy va a farsi fottere. Se stai bene cosi, vai pure avanti. Io non ci sto. Questo sito ti spiega tutto questo: www.tenbestcloud.com/it

  • Flora Tortora
    10/8/14

    avete provato DEGOO.COM? offre 100gb gratuiti

  • Samuel Albani
    17/5/16

    Il fatto che sia sempre meglio pagare è soltanto un'IDEOLOGIA COMPLETAMENTE SBAGLIATA. Esistono milioni di esempi di prodotti completamente gratuiti che offrono servi di ottima qualità spesso superiori ad altri a pagamento; moltissimi di questi esempi si possono trovare su questo blog e anche su altri; eccone un altro esempio:
    http://it.wikipedia.org/wiki/GNU_General_Public_License
    Gli sviluppatori di software libero sono in grado di creare innovazione senza scendere a compromessi economici, contrariamente a quanto avviene con chi offre servizi o software a pagamento, ed esistono migliaia di eccellenti software che lo dimostrano.
    Inoltre, la frase "quando usi un prodotto gratuito, il prodotto sei tu..." è ad ogni modo priva di qualsiasi senso logico, e la pubblicità e la privacy non c'entrano proprio nulla.

  • Samuel Albani
    17/5/16

    Anzi, a volte sono proprio i software a pagamento a violare la privacy, come Windows 10:
    http://www.navigaweb.net/2015/09/microsoft-usa-un-keylogger-in-windows.html
    http://www.navigaweb.net/2015/08/impostazioni-privacy-di-windows-10-uso-pc.html
    http://www.navigaweb.net/2015/10/windows-10-usa-il-tuo-pc-per-aggiornare.html
    http://www.navigaweb.net/2015/07/prime-opzioni-da-modificare-in-windows10.html
    http://www.navigaweb.net/2015/08/semplificare-windows-10-sistemando.html
    http://www.navigaweb.net/2016/03/fare-windows-10-piu-sicuro-su-ogni-pc.html