Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Creare gruppi di estensioni su Chrome per risparmiare memoria

Pubblicato il: 31 gennaio 2012 Aggiornato il:
gruppi di estensioni In un articolo di qualche anno fa su come ottimizzare Google Chrome avevo scritto, sostanzialmente, che il modo migliore per tenere il browser Google più leggero e veloce è di non installare troppe estensioni.
Ciascuna di esse infatti va ad occupare memoria e incrementa l'uso di risorse del computer, alcune più, alcune meno.
La quantità di memoria occupata dalle risorse è visibile nel task manager interno di Chrome attivabile dal menu generale (rotella in alto a destra) -> Strumenti (oppure premendo la combinazione di tasti Maiusc-Esc).
Ma Chrome ha talmente tante belle estensioni nel suo Chrome web Store che davvero è impossibile rinunciarci e viene voglia di installarne il più possibile, per attivare automatismi e per interagire meglio con i siti web.

Ecco allora l'idea geniale per risparmiare memoria su Chrome: invece di tenere attive tutte le estensioni insieme, conviene organizzarle in gruppi così da attivare un gruppo o un altro a seconda delle esigenze, disattivando tutte le altre.

Questa modalità davvero intelligente di gestire le estensioni su Google Chrome è stata implementata come estensione aggiuntiva per il browser di casa Google.
Dal Chrome Web Store si può installare Context, un componente aggiuntivo per organizzare le estensioni in gruppi con la possibilità di attivarle o disattivarle in un click.
In questo modo, ad esempio, si può creare un gruppo di estensioni utili solo per Youtube, uno per Facebook, uno che contiene i componenti aggiuntivi utili per lavorare, una con quelle per sentire musica, per vedere film, per condividere o salvare pagine web e cosi via.
Scegliendo una lista di estensioni, Chrome andrà a caricare solo quelle comprese nel gruppo selezionato, disattivando e nascondendo le altre.

Dopo l'installazione di Context compare un breve tutorial che spiega come si creano i gruppi.
Dalla pagina delle opzioni di Context, si può vedere l'elenco completo delle estensioni installate in Chrome.
Sotto si può cliccare sul pulsante "New Context" per creare un nuovo gruppo a cui si può dare un nome e assegnare un'icona.
Dall'elenco generale delle estensioni, si può usare il mouse trascinando quelle da mettere nel gruppo appena creato.
Se si creano più gruppi, la stessa estensione può essere inclusa in tutte le liste che si vuole.
È anche possibile modificare l'ordine delle estensioni all'interno di un gruppo o premere la X per cancellare una selezione.
Si possono poi trascinare i gruppi creati a destra o sinistra per modificare l'ordine di preferenza nell'elenco.
Nel menu di opzioni di Context si può anche scegliere se visualizzare anche le applicazioni oltre le estensioni.

Dopo aver creato almeno due gruppi, si può premere sull'icona a forma di un pezzo di puzzle di Context in alto a destra per selezionare quello da attivare.
Tutte le estensioni non incluse nel gruppo, vengono disattivate.
Se si preme, dal menu a tendina, su All Extensions, si attiveranno tutte insieme com'era normale.
Quando viene installata una nuova estensione, compare una finestra che permette di assegnare la nuova estensione al gruppo appropriato.

Questa modalità per ragruppare i componenti aggiuntivi e creare liste di attivazione non è solo intelligente per una questione organizzativa ma soprattutto per navigare con Chrome in modo più veloce.
Nascondendo e disattivando le estensioni di cui non si ha bisogno ogni momento, si libera e si risparmia memoria, che altrimenti sarebbe utilizzata inutilmente da tutte quelle installate.

Un'estensione simile che permette di creare gruppi di schede da aprire selettivamente è Simple Windows Saver, molto più semplice, con meno funzioni, per evitare di tenere troppi siti aperti simultaneamente.

In un altro articolo: Gestire le estensioni Chrome, attivarle e disattivarle in un click

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)