Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Installazione dei programmi: precauzioni per non rovinare il pc

Pubblicato il: 13 dicembre 2011 Aggiornato il:
installazione personalizzata programmi Questa è una guida generale che dovrebbe essere un caposaldo nell'uso del computer.
Come detto in più occasioni, un computer si rovina nel tempo non tanto per il suo normale utilizzo ma, soprattutto perchè, navigando su internet, si installa su Windows tanta spazzatura, spesso senza volerlo.
Questo problema deriva soprattutto dalle installazioni veloci dei programmi, sia quelli gratuiti, sia quelli presunti gratuiti con versioni trial.
Di blog e siti di informatica che segnalano nuovi programmi da installare ne esistono di tutti i tipi e, molti di essi, per superficialità o semplice fame di visitatori, scrivono commenti entusiasti su prodotti scadenti, sorvolando sulle procedure di installazione ed eventuali effetti collaterali, lasciando all'utente inesperto tante cose inutili che rovinano il loro pc.

Si sa che l'installazione di un programma in Windows è una fesseria, basta lanciare il setup e poi andare Avanti per due o tre volte fino a che non si arriva alla fine.
Se in teoria questo è vero, in pratica, cliccando su Next o su Avanti senza guardare diventa causa di problemi.

Il fatto è che i programmi gratuiti, se non sono opensource e se non sono scaricati da fonti attendibili, nascondono al loro interno degli sponsor rappresentati da programmi di altro tipo spesso a pagamento, spyware, adware e toolbar.
In alcuni casi, tale procedura non sarebbe nemmeno da biasimare in quanto lo sviluppatore di un programma free, può guadagnare qualcosa proponendo sponsor.
Da condannare invece sono quei software che, senza chiedere nulla, installano componenti aggiuntivi a Internet Explorer come le toolbar o altri virus.
Per fare installazioni dei programmi sicure, è importante prendere precauzioni, conoscere quei termini utilizzate dalle procedure di setup e riconoscere quando fermarsi prima di cliccare sul tasto "Avanti".

Il problema dei cosiddetti "software di terze parti" che accompagnano molti programmi gratuiti sono presenti sia quando si il file di installazione viene scaricato da internet, sia quando si installa usando quei CD omaggio delle riviste di informatica.
Le precauzioni principali per evitare di rovinare il computer con le installazioni di programmi di terze parti sono, sinteticamente, 4:

1) Prima di installare un software free, la cui fonte ed il cui produttore non è attendibile, conviene sempre creare un punto di ripristino configurazione di sistema.
In un altro articolo ho elencato alcuni tool per creare velocemente un punto di ripristino con un click.
In generale, per crere un punto di ripristino, si deve andare sul menu Start -> Programmi -> Accessori -> Strumenti di sistema -> Ripristino.
Con il punto di ripristino salvato è sempre possibile tornare indietro e far finta che non sia accaduto nulla, rimuovendo ogni traccia dell'installazione fatta.
Ritengo che la creazione di punti di ripristino sia assolutamente necessaria ogni volta che si installa un nuovo tema grafico di Windows, una Skin Pack, una modifica all'interfaccia, un tool di ottimizzazione automatica, Tweaker, screensaver, icone e plugin per programmi come Messenger.

Se si volesse provare un'installazione di un programma che, già si sa, potrebbe non essere sicuro, si può creare una Sandbox, una zona protetta e impermeabile, isolata dal sistema.

2) Selezionare sempre l'installazione personalizzata o "Custom Setup" o "Advanced" per qualsiasi programma.
Il setup o l'installazione di un programma, sia in inglese che in italiano, molto spesso chiede, all'inizio, se procedere con l'installazione veloce (Quick Setup) o se effettuare un'installazione personalizzata, spesso indicata "per esperti" o "avanzata".
Ebbene, esperti o no, quando si installa qualsiasi cosa, bisogna passare per l'installazione personalizzata e non premere mai sul tasto Quick setup.

3) Deselezionare sempre l'installazione di programmi sponsor, di toolbar e altre cose il cui nome è diverso da quello del software che è stato scaricato.
Nella procedura guidata personalizzata, non si deve ovviamente cliccare su Avanti senza guardare.
Molti programmi, dopo la finestra con l'accettazione della licenza (license) da cliccare velocemente, propongono di installare uno sponsor o una toolbar o entrambi.
In alcuni casi, per evitare di rovinare il pc con questa roba inutile, bisogna levare la crocetta prima di cliccare su Avanti o Next.
In casi molto rari e più subdoli, la domanda se installare il "3rd Party Software" è posta al contrario e bisogna invece mettere la crocetta per evitare la loro installazione.
Per tanti programmi, oltre ad uno sponsor, viene richiesto, magari in una finestra successiva o nell'ultima, prima quindi di cliccare su "Fine", viene proposta l'installazione di una toolbar, il cambio della homepage di Internet Explorer ed il cambio del provider di ricerca, ovviamente da disattivare.
Le toolbar più famose e meno utili sono quella di Softonic, di iMesh, di Ask, di Yahoo e di qualsiasi altro marchio che non sia Google o Bing, le uniche che hanno una loro utilità su Internet Explorer.
Anche se non si utilizza Internet Explorer come browser principale, conviene tenerlo pulito per evitare infrazioni o interferenze nella navigazione internet.

4) Per qualsiasi programma si installi, non accettare, se compare, il riavvio del computer immediato e selezionare sempre l'opzione "Riavvia in seguito" per evitare lo spegnimento improvviso e perdere i dati non salvati.
Una volta che l'installazione è completata, prima di cliccare su Fine o Finish, controllare i pulsanti di selezione o le caselle di controllo nella schermata finale perchè possono ancora nascondere qualche trappola.

In conclusione, i programmi freeware, antivirus compresi, se si procede con l'installazione veloce e senza guardare, possono portare i seguenti problemi:
- installazione toolbar;
- installazione di programmi sponsor che non centrano nulla;
- impostazione automatica di avvio del programma all'accensione del pc;
- creazione di collegamenti sul desktop che portano a pagine web sponsorizzate;
- cambio della pagina iniziale del browser;
- cambio del provider di ricerca con uno sponsorizzato;
- installazione di estensioni, plugin o componenti aggiuntivi che appesantiscono il browser e rallentano la navigazione.

Tali problemi possono essere risolti leggendo altri articoli quali:
- Programmi inutili e software da non installare mai sul pc
- Trovare e rimuovere programmi e toolbar inutili con Slimcomputer
- 5 Programmi per eliminare file che non servono più
- Eliminare programmi preinstallati e trial
- Eliminare le toolbar e disinstallare barre menu da Internet Explorer
- Reset del browser per ripristinare le impostazioni predefinite

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)