Navigaweb.net
Programmi Sicurezza Windows Guide PC iPhone Android Immagini Musica Rete Facebook Giochi Windows 8

Data:

programmi per bloccare sitiCi sono due casi per cui uno potrebbe voler bloccare la navigazione su alcuni siti web.
Il primo è quello di un capo ufficio che non vuole che i dipendenti perdano tempo a lavoro andando a giocare online, comprare su Ebay o guardare video Youtube (vedi i siti che fanno perdere più tempo a lavoro).
Il secondo caso invece è quello di un genitore che vuole giustamente lasciare che il figlio navighi su internet evitando però che capiti, per caso o per curiosità, in siti non per minorenni.

Ci sono diverse soluzioni, alcune più elaborate, altre più facili ed immediate, che consentono di bloccare alcuni siti sul pc oppure di limitare il tempo di navigazione sui quei siti che fanno perdere tempo a casa o a lavoro.

Per il primo caso avevo già segnalato dei programmi che permettono di controllare quello che viene fatto sui computer in rete (di casa o, meglio, di un ufficio).
Per il secondo caso invece avevo consigliato di installare programmi che prevengono la navigazione su siti pericolosi o per adulti.
Tutti i metodi precedentemente indicati, compreso quello per impedire al browser di aprire alcuni siti internet usando il file hosts richiedono una certa dimestichezza con le impostazioni di Windows.

1) Per bloccare siti pericolosi su un computer Windows o Mac, il programma migliore che si può trovare è K9 Web Protection.
Si tratta di un programma gratuito che si può scaricare dopo la registrazione con un indirizzo Email esistente che serve per ricevere il serial number.
Con K9 web Protection è possibile sia bloccare siti pericolosi, con virus, con pornografia o contenuti violenti, sia limitare il tempo di navigazione permessa in orari e giorni precisi (time restrictions).
In questo modo si può configurare il computer usato a non aprire Facebook e YouTube durante l'orario di lavoro oppure ad imporre che alcuni siti possano essere visitati solo nel weekend.
La difficoltà nel configurare la protezione ed i blocchi è legata al fatto che il programma è solo in lingua inglese e siccome quando si parla di permessi sul pc, ci si confonde sempre, potrebbero sorgere problemi.
Ovviamente nulla vieta di fare prove di configurazione che potranno sempre essere cambiate in qualsiasi momento.
Il programma può essere protetto con password, può mostrare l'intera attività fatta su internet, tutti i siti visitati ed il tempo passato su specifiche pagine.
Si possono anche bloccare parole chiave nelle ricerche su internet (URL Keywords) e impostare eccezioni.
Una cosa che può non piacere è che non si possono creare profili diversi quindi, ogni eventuale blocco o limitazione, viene applicata anche per l'amministratore.
La cosa bella invece è la sezione Web Categories to block dove, impostando su "Custom" è possibile scegliere quali categorie di siti web devono essere bloccati sul computer.
In questo modo tutto diventa automatico con un filtro internet aggiornato, preso direttamente dai server di BlueCoat, la sowftware House che sviluppa K9.

2) Se K9 risultasse troppo grosso per le proprie esigenze e si avesse bisogno soltanto di uno strumento facile ed immediato che blocchi alcuni specifici siti web, si può invece scaricare ed installare AnyWebLock.
Su AnyWebLock basta indicare gli indirizzi da bloccare e si possono anche specificare i sottodomini (ad esempio per limitare solo alcuni siti blogspot.com).
L'installazione di Anyweblock è facile e veloce e prevede l'inserimento di una password per proteggere le impostazioni del programma.

3) Il terzo software di questo articolo è Internet Security Controller specializzato a limitare il tempo impiegato dagli utenti su siti web come Facebook, Twitter, MySpace, YouTube ecc. su un computer specifico (ad esempio, i dipendenti in un ufficio o figli a casa).
Anche questo rimane protetto da una password che deve conoscere soltanto l'amministratore, il genitore o il capo.
Un po' come fa K9, ma con una interfaccia più semplice, questo tool permette di configurare opzioni precise riguardo il giorno, la data e l'ora in cui bloccare l'accesso ai siti che fanno perdere tempo.
Molti siti social network sono già aggiunti per impostazione predefinita, tuttavia, è possibile aggiungerne di nuovi dalla casella di testo in alto o rimuoverli eliminando il blocco.
Per ciascun sito si può impostare un limite giornaliero di tempo permesso durante una giornata, senza quindi obbligare la navigazione in specifici orari.
Questo controllo può tornare utile ai genitori per impedire ai figli di passare intere giornate a giocare online oppure per gestire le pause di lavoro senza che si protraggano a lungo.
Internet Security Control è molto facile da usare, può essere una buona alternativa per le piccole imprese con pochi computer che non usano un server proxy.
Anche in questo caso, come in K9, le restrizioni sono applicate a tutti gli utenti che usano il computer, compresa la persona che imposta i limiti di tempo.

4) Per finire, il più semplice di tutti è il programma NoVirusThanks Website Blocker per bloccare siti web sul computer ed impedirne la visualizzazione e la navigazione, sia voluta che accidentale.
Inoltre, è anche possibile filtrare il traffico con l'aggiunta di alcune parole chiave da evitare, bloccare tutto il traffico in entrata e in uscita, scegliere di consentire la navigazione solo su alcuni siti web bloccando tutto il resto e impostare degli orari o dei giorni per il blocco programmato.

Tutti e i programmi funzionano su XP, Vista, Windows 7, Windows 8 e Windows Server.


Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Un Commento
  • Anonimo  
    20/giu/2011 16:42:00

    Si dice "a casa", ma "AL lavoro" (e non "a lavoro" ;)