Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Prezzi e costi di connessione internet da penne USB e chiavette portatili

Ultimo aggiornamento:
Internet da Penna USB Aggiornato il 26.11.14 Migliori offerte internet per SIM ricaricabili su smartphone, tablet, chiavette e modem per 2014 e 2015

In Italia nell'ultimo anno stiamo assistendo alla diffusione delle pennette USB che consentono di connettersi a internet ovunque ci si trovi, pagando un abbonamento o una prepagata con la compagnia telefonica scelta.
Una delle cause di questa diffusione è il calo dei prezzi dei computer, soprattutto considerando i netbook o mini pc portatili che possono costare anche meno di 200 Euro, e il forte calo di questi modem usb che fino a 8 mesi fa stavano a 200 Euro mentre ora a circa 70 Euro.
Ma la crescita della diffusione di questo internet portatile sta soprattutto nell'aumentata dipendenza delle persone dai servizi internet che oggi, come detto più volte, non rigurdano soltanto i giornali online o semplici chat ma si sono evoluti in quello che viene chiamato il web 2.0.
L'utente che naviga su internet, oggi, partecipa ai social network (vedi Facebook), commenta le notizie dei blog, informa il mondo su cio che fa e cio che sente (vedi Twitter) ed è felice di avere la possibilità di comunicare con gli amici continuamente, trovandosi sempre reperibile, certo di poter scambiare messaggi con gli altri in qualsiasi momento si voglia.

Si ma a che prezzo? quanto costa questo internet portatile?

Anche se in modo discorsivo, l'argomento tariffe di connessione via cellulare o via chiavetta USB era stato gia trattato in un altro articolo di qualche mese fa in cui, in estrema sintesi, avevo scelto, come fattore discriminante per scegliere il provider da pagare, la possibilità di poter navigare, alla stessa tariffa, sia usando la penna USB sia usando il cellulare.
Dietro questo fatto c'è la prima fregatura nascosta di alcuni canoni per il traffico dati.
Non so perchè queste ricche compagnie cerchino sempre un modo per guadagnare di più alle nostre spese eppure è una continua guerra per contrastare le scritte in piccolo sui contratti.

Iniziamo l'analisi pensando positivo come se fossimo in un mondo felice dove si cerca l'abbatimento dei costi e dove si paga il servizio atteso, senza sorprese.
Allora, la pennetta USB (che non è un nuovo tipo di pasta da cucinare) costa poco e quasi te la regalano.
Le offerte, in linea generale, vengono incontro a tutti, sia coloro che navigano spesso sia coloro che navigano poche ore a Settimana (vedi Vodafone con 1 Euro al giorno).
Il canone della linea telefonica non esiste più, si va in internet senza fili fastidiosi e senza dover impazzire a configurare un router o un qualsiasi dispositivo di rete.

Il primo problema e la prima delusione a cui si va incontro però è quella legata alla velocità di connessione.
Gli operatori dicono che sia 7,2 Megabit al secondo mentre in realtà questa velocità è più che un miraggio, una vera e propria presa in giro.
Praticamente con tutti gli operatori, Vodafone, Tim e anche 3, bisogna pensare che si navighi realmente, se va bene, a un quinto della velocità pubblicizzata e promessa.
Non ho deto Wind perchè, non si sa per quale ragione, con Wind la velocità di internet è addirittura dimezzata rispetto agli altri qundi scende a un decimo rispetto a quella attesa.
Il motivo è che 7,2 Mbit è la velocità teorica se si connettesse una sola persona; invece questa banda di rete va divisa tra tutti coloro che navigano ed esce fuori la magagna.
Da considerare inoltre che la connessione internet è decente soltanto se si prende campo con il 3G (UMTS/HSPA) oppure Edge; fare finta che non esista proprio il traffico dati in GPRS o in 2G.
A tal proposito, ci sono segnali di miglioramento da parte di Tim che pare abbia aumentato a 28 Megabit e Vodafone che passerà ai 14 Megabit.
Al momento, qul piano della velocità, la 3 resta il miglior operatore perchè quella con più campo in 3G mentre con Wind, per trovare una zona coperata dal 3G bisogna pregare.

Se qualcuno ci rimane male e volesse recedere, spero vivamente non abbia preso la chiavetta USB (che costa sui 70 Euro), gratis compresa nel contratto perchè in questo caso, il costo di recesso per tutti si aggira sui 200 Euro.
Se si vuole un IPhone, allora il comodato d'uso è una buona opzione ma per una penna USB dal prezzo basso non vale assolutamente la pena.

Il terzo problema è invece quello, incomprensibile per me, relativo ai piani con il limite di tempo.
La cosa che davvero fa incavolare la gente è che questo tempo viene calcolato in maniera subdola dalla compagnia telefonica e, spesso, accade che uno pensa di aver navigato 98 ore mentre invece a superato le 110 ore.
Il motivo è che queste compagnie, con cui tocca stare sempre allerta, contano gli scatti anticipati ogni 15 minuti, quindi se io navigo 20 minuti al giorno è come se ne avessi fatti 30 e regalo cosi 10 minuti di connessione pagati e non sfruttati.
L'unica compagnia telefonica onesta su questo punto è la 3 con il piano Tre Dati perchè conta gli scatti al secondo e si paga quello che si usa.

L'altro limite rognoso di altre tipologie di tariffe dati è invece quello relativo al traffico dati e quindi, ai Kilobyte scambiati su internet.
Grazie a questa limitazione, le compagnie telefoniche sono riuscite a superare la crisi economica di quest'anno ed hanno accresciuto i loro profitti.
Infatti, quando si supera la soglia di traffico, non è che si paga, per i kilobyte in più, un po' di centesimi di euro ma una cifra esorbitante che fa crescere le bollette e faceva esaurire le schede in 5 minuti.
Ad oggi, mi pare che questo costo extra sia stato diminuito grazie all'intervento dell'Autorità Garante delle comunicazioni (come detto, siamo sempre in guerra) che ha chiesto più trasparenza agli operatori, ha abbassatto i costi di traffico extra ed ha imposto di inviare un avviso, via SMS o via software, quando si sta per superare la soglia.
Siccome molti non hanno idea di cosa sia un Kilobyte e non sanno come contarli, consiglio di leggere l'articolo sul calcolo di velocità di una connessione internet e di scaricare il programma per contare il traffico dati, sia in entrata (Download) che in uscita (Upload).

Per finire, l'ultima sola che non viene mai considerata e che non viene menzionata nei contratti in maniera comprensibile è quella relativa alla possibilità di navigare, con lo stesso abbonamento, anche da cellulare e di usare le applicazioni web.
Probabilmente gli operatori di telefonia mobile pensano che la maggior parte della gente sia felice di sprecare soldi; basti pensare a una pubblicità Vodafone di poco tempo fa che diceva "Con noi vai anche su Facebook e chatti su Messenger".
Ma perchè, Facebook non è un sito internet come gli altri? Che me lo volevi far pagare a parte?
Il problema è che per alcuni, il traffico compreso è solo quello che si ottiene navigando tramite il software di gestione obbligatorio e, col telefonino cellulare, può capitare che non sia compreso nel canone l'accesso a internet tramite altri programmi come ad esempio quelli per Chattare su Facebook.
Su questo so per certo che Wind e Tre non hanno alcun vincolo e lasciano piena liberta mentre ho qualche dubbio sulla Tim e sono molto pessimista sulla Vodafone.

Sia chiarissimo allora che Facebook via cellulare si può avere gratis, senza usare alcun browser perchè non è una specialità e una esclusiva di qualcuno.

Dopo queste considerazioni, vediamo nel dettaglio quanto costa navigare con le chiavette di Tre, Wind, Tim, Vodafone e Fastweb, nel nuovo articolo aggiornato a Luglio 2010.
Il seguito di questo post può essere quindi ignorato.

Tre3
Tre Dati: 19 Euro al mese con 300 Ore; 14 Euro al mese con 100 ore; 9 Euro al mese con 30 ore.
Naviga3: 3 Euro per 7 giorni con 100 MB al giorno; 9 Euro per 30 giorni con 50 MB al giorno.
SuperInternet: 5 Euro per 3 GB al mese (questo è il costo minore in assoluto di connessione internet)

TIMTIM
Maxxi Alice 100: 20 Euro al mese per 100 ore
Maxxi Alice 150: 20 Euro al mese per 150 ore (dalle 17 alle 9 dal lun al ven e festivi pieni).

VodafoneVodafone
Internet Large: 25 Euro mese per 5 ore al giorno
Internet Night: 15 euro mese per accesso senza limiti dalle 22 alle 7 di mattina.

WIND
Mega 100 ore: 15 Euro mese per 100 ore
Mega Ore: 9 euro mese per 50 ore

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)