Navigaweb.net
Programmi Sicurezza Windows Guide PC iPhone Android Immagini Musica Rete Facebook Giochi Windows 8

Data:

motori di ricercaIl migliore motore di ricerca su internet, per noi italiani, è Google e l'articolo potrebbe finire qui diventando il più corto post della storia.
Onde evitare di essere banale, cerchiamo un attimo di vedere le differenze tra i principali motori di ricerca su internet che sono 4 e che sono utilizzati per trovare riposte dal 99% dei navigatori web di tutto il mondo.

Diversi anni fa, i siti per cercare informazioni su internet erano diversi poi, come tanti settori dell'economia, i più grandi si sono mangiati quelli più piccoli e li hanno assorbiti facendoli sparire.
Yahoo! è quello più anziano nato dal lavoro di due studenti americani che si misero a catalogare a mano i pochi siti presenti in quegli anni e si parla dell'anno 1994/95.
Google invece nacque più tardi con un tipo di programma più veloce e meno faticoso in cui la scansione e la catalogazione avviene grazie a uno spider automatico in grado di mettere in ordine le pagine web a seconda di alcuni criteri tutt'ora segretissimi.
La Microsoft, ricca e potente, non poteva restare fuori da questo mercato di informazioni e da anni sta provando a migliorare il suo motore di ricerca, Live Search che oggi ha il nome di Bing e che deve la maggior parte del suo utilizzo al solo fatto che su un sistema operativo Windows nuovo viene impostato di default come motore di ricerca predefinito.
Oggi Bing fornisce i risultati di ricerca a Yahoo e lo ha praticamente assorbito.
Il quarto infine, il meno conosciuto ed oggi in netto declino è Ask (quello delle odiose Ask Toolbar).

Tutti gli altri siti di ricerca basano le loro ricerche su uno dei 4 sopra indicati; cosi, ad esempio, i risultati di Virgilio sono quelli di Google mentre Altavista è di proprietà di Yahoo.

Senza girarci troppo intorno, la differenza nei risultati tra Google e Bing sta soprattutto nell'attualità delle pagine web riportate che rispondono alla domanda fatta dagli utenti sul campo di ricerca.
Per attualità si intende la data di creazione di quella pagina e, quindi, il fatto di essere più o meno nuova.
Per esempio si potrebbe cercare su tutti e 4 i motori una cosa come "convertire video", molto popolare che si aggiorna sempre con nuove guide e una cosa come "formattare un pc" che è un argomento di cui si parla sempre meno perchè non è un qualcosa che presenta novità frequenti.
I risultati dunque per la chiave popolare sono pressapoco gli stessi anche se hanno un ordine diverso mentre, per il secondo esempio, si trovano risultati piuttosto differenti tra Google e gli altri.
Google è più veloce dei suoi concorrenti a ricevere nuove pagine nel suo indice e quindi ad aggiornare le liste i risultati quindi presentano siti a volte meno conosciuti perchè più nuovi di altri.
Yahoo e Bing invece sono più lenti e legano i loro risultati ai siti web più maturi, quelli che esistono da più tempo che sono considerati più autorevoli e veritieri.
Google batte gli altri non solo perchè tira fuori risposte più aggiornate ma anche perchè riesce a fare una analisi delle parole più dinamica, considerando quindi il fatto che, tornando all'esempio, convertire è come dire convertitore oppure conversione.
Certamente non sempre riesce a distinguere queste sfumature tra le parole ma per argomenti molto popolari diciamo che vi riesce.

Google amplia la pagina dei risultati mettendo, oltre ai risultati sponsorizzati, quelli che vengono da Google News e, a volte, quelli dei video di YouTube e della ricerca tra i blog.

Google è l'unico che presenta effettivamente motori di ricerca separati a seconda del paese in cui ci si trova anche se Bing oggi si è adeguato alla localizzazione e presenta diversi risultati a seconda della lingua.

Il fatto quindi che Google, attualmente, sia il migliore dei motori di ricerca non significa che sia però ottimo.
Il problema del monopolio informativo per cui, su internet, un sito e cio che vi sta dentro, esiste, soltanto se può essere trovato su Google è seriamente sentito dai webmaster e i blogger.
Se quindi Google decide di eliminare un risultato dal suo indice, esso sparisce completamente dal panorama di informazioni trovabili e la sua voce, magari scomoda a qualcuno, pur esistendo, sarebbe invisibile.
Nel web esistono cosi una moltitudine di siti invisibili e sommersi che sono quasi impossibili da trovare.
Nel contempo, ai primi risultati di ricerca di Google, si trovano spesso risultati scadenti di siti ottimizzati per Google ma che non hanno informazioni e risposte significative.

Nell'ultimo anno, per migliorare la ricerca su internet, sono nati alcuni motori di ricerca originali e alternativi che hanno un discreto successo soprattutto negli Stati Uniti.
Essi sono: Blekko e poi iXQuick e DuckDuckGo, alternative a Google con ricerche private che permettono di ripulire i risultati dalla spazzatura e da siti non graditi.
Blekko è forte per la possibilità di creare slashtag e per le ricerche SEO.
Duck Duck Go è stato preso ad esempio da Google per inserire il pulsante del "Blocca questo sito dal comparire nelle ricerche".

Un cambio di rotta sta invece avvenendo negli ultimi anni con l'avvento dei social network tra cui Facebook ma, soprattutto Twitter, di cui abbiamo parlato in un altro post, che si presenta come un megafono per diffondere notizie flash e commenti in tempo reale.
Il motore di ricerca Topsy indicizza i siti web in base alle citazioni su Twitter, ordinandoli quindi in base alla popolarità.

Nulla di nuovo dunque all'orizzonte sul fronte occidentale, almeno per noi italiani dove strumenti di ricerca intelligenti come Wolram Alpha che risponde alle domande, non sono utilizzabili.

Per avere un'idea sulle differenze tra i motori di ricerca si potrebbe utilizzare Yabigo che permette di fare una ricerca simultanea sui tre leader di settore, Google, Yahoo e Bing.

Per coloro che vogliono completezza invece si può trovare con Firefox e un suo plugin, Unified Search, che mette in una sola pagina i risultati di Bing e di Google oltre poi a comprendere le ricerche su Wikipedia e su Wolram.
Sul sito Limmz si possono usare tutti quanti insieme.


Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
5 Commenti
  • Anonimo  
    27/lug/2009 11:49:00

    buongiorno Claudio, mi ricordo di un un articolo che non riesco piu' a trovare che parlavi di un sito che ricerca casualmente in internet....

  • Claudio Pomhey  
    27/lug/2009 11:55:00

    O certo come no, Stumbleupon, ideale per scoprire i siti più curiosi e divertenti.

    L'articolo è http://www.navigaweb.net/2008/09/stumbleupon-visitare-i-siti-piu-belli.html

  • Anonimo  
    27/lug/2009 12:32:00

    grazie

  • Anonimo  
    17/mag/2010 19:03:00

    FusionSearch è morto :( :( :( :( :( :( :(

  • Claudio Pomhey  
    17/mag/2010 19:29:00

    Usa inudu.com per le ricerche su yahoo bing e google in una pagina