Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Whatsapp Facebook Immagini Giochi

Migliorare la qualità della connessione a internet

Ultimo aggiornamento:
test velocità internet Uno dei dubbi ricorrenti durante l'uso del computer a casa, è quello di non avere internet abbastanza veloce o, almeno, che la banda sia quella promessa dal provider che si paga.
Questo tipo di dubbio si può facilmente risolvere con alcuni test di velocità internet che potranno verificare la reale ampiezza della propria banda di rete, al di la di ogni dichiarazione del provider.

Questo articolo spiega non solo come misurare la velocità di internet, ma anche i fattori che influenzano le prestazioni di rete e la qualità della connessione.
Alla fine vediamo anche come si può facilmente ottimizzare la propria connessione per renderla più veloce possibile.
Le considerazioni valgono per qualsiasi connessione internet, sia quelle via cavo, che wireless, con chiavetta USB o con cellulare che fa da modem.

LEGGI ANCHE: Verifica stabilità di connessione e qualità ADSL

La domanda adesso è: Come si riconosce se il risultato è buono o cattivo e come migliorare la connessione di rete internet?
Direi che una velocità di upload / download inferiore al 30%-50% del valore teorico promesso dal provider, soprattutto nelle ore non di punta, è sicuramente un pessimo risultato.
In questo caso, contattare senz'altro il provider di rete e chiedere spiegazioni.
Prima però di arrabbiarsi con l'operatore del call center, si possono effettuare alcune operazioni per ottimizzare il computer su internet ed essere sicuri che non ci siano impedimenti locali.

Alcuni fattori che influenzano la velocità di connessione, non possono essere cambiati:
- la velocità limitata dal provider durante l'uso di programmi di download in p2p come i Torrent.
- La propria casa lontana dalla centrale telefonica.
- Se i vicini di casa e la maggior parte degli abitanti del quartiere usano internet via cavo, probabilmente condividono la larghezza della stessa banda perchè si collegano tutti sullo stesso router.

Per verificare se il proprio ISP ferma o limita il traffico p2p, si può provare il tool Glasnost che simula un download con BitTorrent.

Per accelerare Internet si possono anche trovare diversi consigli e tecniche.

1) Il collo di bottiglia potrebbe essere il proprio hardware, magari vecchio.
Può darsi che il modem non supporti alte velocità di ricezione e trasmissione dati e che non funzioni correttamente.
In linea generale, si può calcolare la velocità della propria rete interna con un programma chiamato LAN Speed Test che misura la velocità della rete LAN.

2) Una connessione via cavo è più veloce di una connessione wireless.
Si può verificare di essere collegati alla rete wifi migliore e senza interferenze sul canale.

3) I Server DNS lenti possono incidere sulla velocità di internet.
I server DNS dalla maggior parte degli ISP (i provider) non sono molto veloci e possono spesso ridurre la larghezza di banda.
Tuttavia, è possibile ottenere gratuitamente gli indirizzi di altri server server DNS (come OpenDNS o Google) e si può usare un programma che trova i dns più veloci e migliori.

4) In un LAN via cavo fare attenzione a non usare cavi troppo lunghi (fino a 50 metri va bene) e più corto è meglio è.
Evitare inoltre di tirare, schiacciare e piegare il cavo.

5) Molti programmi e processi utilizzano la connessione per trasferire i dati, sincronizzare o per scaricare gli aggiornamenti.
È possibile controllare quali programmi accedono a Internet con Networx e verificare l'utilizzo di banda e le connessioni aperte sul computer con Connection Watcher.
Inoltre, un programma davvero ottimo, permette di gestire la banda di rete decidendo chi deve usarne di più tra programmi ed applicazioni.
Con un Firewall qualsiasi o con il Windows Firewall si possono bloccare i programmi impedendo loro di collegarsi a internet.

6) Disattivare il limite della larghezza di banda riservata
Per impostazione predefinita, Windows riserva il 20% della larghezza di banda per gli aggiornamenti automatici.
È possibile ridurre questa quantità e impedire che questi processi di Windows siano privilegiati.
In tutte le versioni Windows, tranne quelle Home, si può usare il comando gpedit.msc da avviare andando su Start -> Esegui(o Cerca).
Scrivere allora gpedit.msc e seguire questo percorso: Criteri del computer -> Modelli amministrativi -> Rete -> Utilità di pianificazione pacchetti QoS e poi, sul lato destro della finestra, cliccare due volte sulla voce "Limita larghezza di banda riservabile".
Di default non è configurato quindi attivarlo e impostare il limite di larghezza di banda a 0%.

7) Fare regolarmente una scansione dei malware per verificare che il computer non sia stato infettato e, quindi, usato dall'esterno per scambiare dati chissà dove (magari facendo parte di una botnet).
I virus sono sempre progettati per replicarsi e diffondersi quindi cercano sempre di accedere a internet e rallentano la velocità di trasmissione dati.

8) Ottimizzare il browser usato senza installarci sopra troppe estensioni o plugin che rallentano il caricamento dei siti e del browser stesso.
Ci sono poi diversi trucchi per velocizzare Firefox e per velocizzare Chrome che vale la pena di leggere.

9) Ci sono diversi altri trucchi per velocizzare la connessione di rete e per ridurre la latenza ottenendo una connessione più veloce.
Ricordare che Windows può essere migliorato sempre sul proprio computer perchè non nasce per essere un sistema ottimizzato ma un sistema più stabile possibile.

Come scritto in un vecchio articolo su come ottimizzare la rete internet sul computer, considerare l'uso di un programma come TuneUP (non gratuito) o di TCP Optimizer.

Se dopo tutte queste considerazioni, verifiche e modifiche la velocità rilevata da SpeedTest non dovesse cambiare e rimanesse lenta, non rimane che protestare con il provider pagato per avere internet e considerare, nel caso, se non sia conveniente cambiarlo.
A questo proposito ricordo che è possibile sapere quali sono i provider per navigare internet più veloce in Italia.

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)