Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Whatsapp Facebook Immagini Giochi

Creare e gestire punti di ripristino in Windows 10, 7 e 8

Ultimo aggiornamento:
Tool e guida su come gestire i punti di ripristino di Windows, eliminarli e crearli o anche programmare la loro creazione
punti di ripristino Quando un pc Windows presenta degli errori causati da programmi installati o dei comportamenti anomali dovuto a configurazioni di cui non si ricorda più come tornare indietro, si può trovare una soluzione veloce e indolore tramite il ripristino di configurazione di sistema.
Come scritto in una delle guide, Ripristinare la configurazione di sistema consente di riaggiustare Windows se ha problemi che ieri non aveva.
Praticamente si va a dire al computer di ricaricare la situazione di qualche giorno fa, quando tutto funzionava a meraviglia.

Nonostante questa sia una funzione molto intelligente e utile di Microsoft, non è sempre efficace e, spesso, non risolve nulla perchè non vengono trovati i punti di ripristino oppure perchè non si riesce ad attivare il servizio.
Inoltre non è fornita nessuna interfaccia grafica per gestire i punti di ripristino creati, non si può sapere cosa viene cambiato e cosa viene riprstinato e non c'è modo di decidere quando essi devono essere creati.
Tutto quindi è automatico in Windows, forse per non complicare la vita agli utenti inesperti che però, se hanno problemi, non possono nemmeno giocare con qualche impostazione.
Vediamo allora alcuni utili e molto semplici programmi che permettono di creare e gestire i punti di ripristino di Windows 7 e 8.

LEGGI ANCHE: Attivare i punti di ripristino di sistema in Windows 10

Prima di tutto, la gestione dei punti di ripristino in Windows si può fare cliccando col tasto destro su Risorse del computer -> proprietà -> impostazioni di sistema avanzate e poi andando sulla scheda "Protezione sistema".
Da qui è possibile effettuare un ripristino ad uno stadio precedente, creare manualmente un punto di ripristino premendo sul relativo pulsante "Crea", di attivare o disattivare il ripristino per i dischi interni al computer e, premendo sul tasto "Configura", di cancellare tutti i punti fino ad oggi creati e di scegliere la percentuale di spazio disco da riservare a questa operazione.
Altri programmi possono però essere un po' più semplici.

1) Restore Point Creator, oltre a rendere semplice la creazione di nuovi punti di ripristino, permette anche di gestire quelli esistenti.
Esiste una versione da installare e una versione portatile.
Il programma richiede. NET Framework 4.0 e funziona anche su Windows 7 e 8.1, 64-bit senza problemi.

2) Partendo dal più piccolo, il programma portatile Single Click Restore Point permette di avere un piccolo tool che crea automaticamente un nuovo punto di ripristino semplicemente avviandolo.
In questo modo si può creare velocemente e manualmente, un punto sul sistema a cui si può tornare nel caso ci si appresti ad effettuare installazioni di dubbia sicurezza o modifiche delicate.
Nella stessa pagina si trova anche Quick Restore Maker v 2b Customizable, identico solo che si può anche dare un nome al punto di ripristino.

3) QRM Manager Plus è invece un gestore di punti di ripristino che consente di crearli, di effettuare le operazioni di ripristino configurazione di sistema e di eliminare, in modo selettivo, i punti di ripristino precedentemente creati, automaticamente o manualmente sul computer Windows.
È inoltre possibile aggiungere queste opzioni al menu contestuale del tasto destro cosi da avere un accesso rapido al servizio.
Se il Ripristino configurazione di sistema fosse disattivato, quando si tenta di creare un punto di ripristino, appare un messaggio che chiede attivare la funzione.

4) Su Windows XP, per una gestione esperta, si può usare un tool francese chiamato RestorWin un programma piuttosto potente che permette di scegliere cosa escludere dalla creazione del punto di ripristino, di configurare ogni quanto tempo crearne uno (default 24 ore) e per quanto tempo esso deve rimanere salvato nel computer (default 90 giorni).
Sul mio pc con Windows 7 non ha funzionato quindi magari mi darete conferma se è buono oppure no.

5) System Restore Manager (SRM) è un recente programma di WindowsClub simile a RestorWin ma più intuitivo e facile da usare.
Esso consente di gestire i punti di ripristino, cancellarli, o ripristinarli.
Sul lato destro consente di scegliere per quale disco attivare il ripristino di configurazione, di programmare ogni quanto tempo crearne uno, di scegliere quanto spazio deve essere utilizzato ed il tempo massimo entro cui quel punto sparisce.
System Restore Manager a me dà un errore che, da quanto ho letto sul forum, appare anche ad altri utenti.
Nessun danno, se però capita l'errore anche a voi, bisognerà attendere che lo sviluppatore corra ai ripari con una versione più solida.

6) Reboot Restore RX è un ottimo programma assistente per gestire i punti di ripristino di sistema, crearli ed usarli.
Si può usare questo semplice software per chiedere un ripristino al riavvio del computer.

7) Inserisco qui un programma di cui avrei voluto scrivere qualche mese fa ma che considero assai pericoloso se non maneggiato con cura.
Comodo Time Machine crea punti di ripristino indipendenti dal sistema Windows e che sono una immagine della situazione corrente.
Si tratta quindi quasi di un programma di Backup che tuttavia richiede attenzione nel suo utilizzo in quanto non è cosi semplice come sembrerebbe.

LEGGI ANCHE: Come usare il ripristino di sistema in Windows 7, 8 e 10

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)