Navigaweb.net

Migliori siti, programmi e applicazioni su Navigaweb.net

Programmi Guide PC Tecnologia Sicurezza Windows Rete iPhone Android Facebook Immagini Musica Giochi

Spegnere il pc con riavvio e ibernazione automatica per poi accenderlo velocemente

Ultimo aggiornamento:
accendere il computer veloceNon era facile dare un titolo immediatamente comprensibile a questo articolo quindi definiamo bene quale è l'obiettivo.
Accendere il pc velocemente significa che, quando la mattina lo si avvia, esso ci deve mettere pochissimo tempo ad avviarsi.
In questo caso però, il trucco non è quello relativo a come velocizzare il processo di esecuzione dei programmi in avvio (descritto in un altro post) ma usare la sospensione del pc con ibernazione o standby.
Ibernazione del computer significa che il computer, anche se viene spento, crea una immagine sul disco della situazione attuale e, quando lo si riaccende, non vengono caricati tutti i processi, programmi e servizi come normale ma, molto più velocemente, viene caricata quella immagine salvata e il pc torna nello stato in cui lo si aveva lasciato, con le finestre che stavano aperte ed i programmi gia in funzione.
Lo standby invece è un modo di far dormire il computer, senza spegnerlo, oscurando il monitor e disattivando i dischi ma con tutto il resto in funzione.

Il problema è che impostare l'ibernazione continua su Windows, dopo un po' di tempo rallenta il pc che viene caricato troppe volte, senza mai svuotare la memoria RAM (cosa che invece avviene se lo si spegne o si riavvia) e senza installare aggiornamenti.
In generale è buona norma spegnere il computer almeno una volta a settimana ma, con il programma che vado a descrivere, questo non sarà più necessario.

Posto che per accendere il computer velocemente conviene risvegliarlo dalla ibernazione, quando si intende spegnere il computer, prima lo si riavvia e, subito dopo, si mette in stato di ibernazione, e tenerlo cosi pronto per il giorno dopo.

Se ancora non fosse chiaro, diciamo che io, stasera, prima di andare a dormire, invece di spegnere il computer, uso il programma Boot Snooze che mi permette , automaticamente, di riavviarlo e metterlo in stato di ibernazione o standby.
Lo si potrebbe anche fare da soli certo ma cosi si risparmia molto tempo perchè l'intera operazione (riavvio e ibernazione) è automatica.

Boot Snooze è un piccolo tool per Windows Xp, Vista e 7, che si può scaricare gratis e utilizzare senza installazione
Dopo aver fatto il download e l'estrazione del file Portable BootSnooze.zip, si può avviare il programma dal file BootSnooze.exe e notare quanto è essenziale.
Nel primo campo di opzioni, si può impostare un timer dopo il quale il pc si deve riavviare (Delay before reboot), nel secondo i minuti entro il quale si deve mettere in ibernazione o standby dopo il riavvio (Delay after reboot).
Stabiliti i tempi, non resta che da premere il tasto Restart con la scelta se poi metterlo in standby o ibernazione.

Il programma è semplice ma, diciamo che c'è un inconveniente nel caso in cui, dopo il riavvio, Windows chiede una password al login dell'utente.
In questo caso conviene impostare l'autologon per l'accesso automatico come spiegato in un'altra guida e poi, nel caso dei portatili, di chiedere la password dopo la riattivazione ossia dopo il risveglio dallo standby o dall'ibernazione.

Le opzioni per configurare ed anche attivare l'ibernazione in Windows sono nel Pannello di controllo alle Impostazioni avanzate della sezione Risparmio energia.

Boot Snooze, se piace, si può anche avviare creando un tasto da mettere sul desktop o sulla barra di avvio veloce.
In questo caso, basta creare un nuovo collegamento (tasto destro sul vuoto) e dare come destinazione il comando (nel caso Bootsnooze.eze fosse salvato in C:)
c:\BootSnooze.exe mode=reboot method=hibernate bdelay=0 adelay=5
Questo tasto può essere premuto al posto del normale shutdown su Windows.

In un altro articolo, che al tempo mi rese fiero, c'è scritto anche come riaccendere il pc automaticamente e far risvegliare il computer, da solo, dall'ibernazione.

Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.
Se vi piace e volete ringraziare, condividete! (senza commento)