Navigaweb.net
Programmi Sicurezza Windows Guide PC iPhone Android Immagini Musica Rete Facebook Giochi Windows 8

Data:

cronologia internetSenza dubbio, Google è il motore di ricerca Internet primo nel mondo, tanto che il suo nome è diventato sia un sostantivo che un verbo.
Credo che tutti i giorni in cui si accende il computer per navigare su internet, vadano a cercare risposte e siti web specifici su Google.
Google quindi è il motore di ricerca più veloce, preciso ed aggiornato che c'è a disposizione ma, non tutti gli utenti Google, forse, hanno consapevolezza che ogni ricerca viene tracciata e i dati di navigazione vengono raccolti.
Ci sono due modi con cui Google opera:
1) raccogliendo informazioni in modo anonimo, tramite la memorizzazione di un cookie che, nel tempo, finisce con l'influenzare le ricerche fornendo risultati personalizzati all'utente.
2) In modo consapevole, tramite accesso al proprio account Google, registrando ogni sito web in cui si naviga per poterli rivedere in seguito.
Se in un altro articolo ho spiegato perchè i risultati di ricerca Google cambiano a seconda del pc usato, qui vediamo una funzione di Google chiamata Cronologia o History che permette di salvare online tutti i siti web visitati e che può essere attivata o disattivata.

Digitando sul browser l'indirizzo http://www.google.com/history ed accedendo col proprio account Gmail, si può attivare la memorizzazione della cronologia web oppure, se gia era attivata, visualizzarla.
Nella pagina di cronologia Google, si vedrà un calendario sulla destra che si collega a tutte le attività quotidiane attraverso il web, comprese le recenti ricerche su Google.
Si può suddividere questa history delle ricerche in nove categorie: le immagini, i prodotti, i blog, le news, i video, i libri, i link sponsorizzati e le mappe.

Cliccando sul tasto "tendenze" è possibile visualizzare, dopo un certo periodo, quali sono state le parole che una persona ha cercato più volte, quante ricerche sono state fatte durante ogni mese dell'anno, in quale giorno della settimana si è più attivi su internet, in quali ore del giorno e quali siti sono stati i più cliccati.

Perchè è utile questa cronologia e perchè conviene usarla?

I vantaggi di salvare lo storico delle ricerche fatte su Google sono abbastanza evidenti perchè da li è possibile risalire a siti visitati tanto tempo fa, di cui non si ricordava più il nome.
Chiaro che quando uno vuole memorizzare un sito, lo mette tra i preferiti nel segnalibri del browser ma, nel caso si volesse risalire a vecchie ricerche fatte per un compito di scuola, per una tesina universitaria o per un lavoro, diventa utile utilizzare la cronologia di ricerca partendo dal calendario.

Inoltre, si potrà notare che, quando si inizia a digitare qualcosa nella casella di ricerca di Google in Firefox, Safari e sulla barra Google di Internet Explorer, si ottiene un elenco di parole chiave suggerite, prima ancora di aver finito di scrivere.
Tali suggerimenti sono basati su ricerche e visite di siti web precedenti all'attuale sessione.

Lo svantaggio principale di questa funzione di cronologia automatica di Google è altrettanto evidente: se il computer è usato anche da altre persone ed io non mi sono scollegato dal mio account Google, gli altri potranno vedere tutto quello che ho cercato su internet e dove ho navigato.
Resta assolutamente indubbio che, la memorizzazione delle ricerche online, non è utile nel caso si utilizzi un pc condiviso con altri oppure, peggio, un computer pubblico.

Poi c'è anche un'altra faccia della medaglia perchè la Google History può diventare uno strumento ottimo per farsi gli affari degli altri e monitorare tutta la loro attività online.
Ad esempio, posso creare un nuovo account Google, impostare l'accesso automatico sul computer di un amico, attivare la cronologia e poi, se lui non si accorgesse di nulla, io, da casa mia, posso vedere dove lui va e quello che fa su internet.

Se gli utenti non escono del proprio account, la loro cronologia di ricerca rimane a disposizione di chi accede allo stesso computer.

Se ci sono alcuni risultati di ricerca che si vogliono rimuovere dai siti salvati da Google, basta accedere al proprio account e cliccare sul tasto rimuovi dal menu di sinistra.
È possibile eliminare solo dei link selezionati oppure l'intera cronologia.
Come si vedrà si potrà sospendere temporaneamente il salvataggio dei siti e delle ricerche.
Chiaramente ci si può anche cancellare dal servizio Cronologia, andando nelle impostazioni dell'account Google (tasto in alto a destra), premere il tasto "Modifica" accanto alla riga "i miei prodotti" e premere su "Rimuovi Cronologia web in modo permanente".

Personalmente io la cronologia Google la ho attivata da più di un anno ma non la visualizzo spesso.
Mi capita di consultarla a volte per recuperare informazioni che ricordavo di aver trovato ma che, in quel tempo, non mi servivano.
Poi chiaro, se uno volesse preservare la propria privacy del tutto, mettendosi all'ombra di Google, non andrà di certo ad usare questa funzione.
Nel caso serva un servizio per salvare siti e pagine web al volo, posso nel caso consigliare il Google Reader con il servizio note oppure Delicious di Yahoo.

Ricordo che per cancellare la cronologia da Internet Explorer, si deve andare su Strumenti -> Opzioni Internet -> Generale -> Cancella Cronologia mentre su Firefox: Strumenti -> Cancella Dati personali; sulla Google Toolbar, dalla versione 4.0 c'è un pulsante apposito nel menu a tendina della casella di ricerca.

Nel caso non si voglia permettere a Google nessuna interferenza nelle ricerche, si possono usare i motori Google Custom che non memorizzano cookie e cronologie.


Scrivi un commento

Per commentare, si può usare un account Google / Gmail.